Cosa vedere a Dubrovnik in due giorni – l’antica Ragusa

Vuoi visitare Dubrovnik in due giorni? In questa guida ti racconto cosa vedere a Dubrovnik e quali sono i luoghi di interesse culturale più interessanti da vedere in totale autonomia. Scopriremo le splendide vie del centro storico, i principali monumenti della città e i luoghi dove hanno girato la serie Game of Thrones. Insomma trovi tutto quello che ti serve per organizzare uno splendido viaggio culturale a Dubrovnik, a mio parere la parte più bella della Croazia.

 

Cosa vedere a Dubrovnik

Cosa vedere a Dubrovnik: alcuni cenni storici

Cosa vedere a Dubrovnik è stata la prima domanda che mi sono posto quando scoprii che la città era nella lista delle bellezze culturali Patrimonio UNESCO e quando scoprii che per lungo tempo era stata una colonia commerciale di Venezia.

Personalmente adoro le città storiche che hanno una forte tradizione commerciale, perché, come vedrai, a Dubrovnik tutto il centro storico ha una forma particolare con strade che conducono al porto: il fulcro dell’intera città.

Due giorni per visitare Dubrovnik sono ideali. Il centro storico è una piccola perla dell’Adriatico e, per chi come noi ama i viaggi culturali, girare tra i suoi vicoli è un vero toccasana.

Scrisse George Bernard Shaw: “Chi cerca il paradiso in terra dovrebbe visitare Dubrovnik.”

Non aveva tutti i torti, perché Dubrovnik, l’antica Ragusa, è davvero splendida.

 

Visualizza a schermo intero la mappa di Dubrovnik (Croazia)

 

Prima di raccontarti quali sono le cose da vedere a Dubrovnik voglio spiegarti un paio di cose sulla sua storia, che ti saranno utili per ammirare con maggiore interesse e comprendere meglio i suoi splendidi monumenti storici.

Dove si trova Dubrovnik? Immagino che tu lo sappia già, ma per evitare equivoci ti ricordo che si trova in Croazia, sulla costa dalmata, e molti conoscono Dubrovnik con il nome Ragusa di Dalmazia.

Il nome Ragusa deriva dalla colonizzazione greca e venne utilizzato per molti secoli a seguire.

Nel Medioevo, dopo la IV crociata (XIII secolo), la città fu colonizzata e governata fino alla metà del Trecento dalla Repubblica di Venezia, che ne fece uno degli empori commerciali più importanti dell’Adriatico, come fece con Sibenik, un’altra città croata.

Dopo la liberazione dalla Serenissima la città di Dubrovnik fu una Repubblica libera fino all’Ottocento quando le truppe di Napoleone occuparono i territori croati e misero fine all’indipendenza di Dubrovnik.

A onor del vero bisogna ricordare che con la scoperta dell’America cambiarono le rotte commerciali e questo escluse Dubrovnik dai commerci, causando gravi danni al sistema economico interno.

 

 

Nel Seicento Dubrovnik conobbe uno dei momenti più bui della sua storia. Nel 1667 ci fu un terribile terremoto che rase al suolo gran parte della città e uccise più di cinquemila cittadini. Un vero disastro, per questo molti monumenti che puoi ammirare oggi e dei quali parleremo più avanti sono caratterizzati da importanti ristrutturazioni barocche del Settecento.

La forza degli abitanti prevalse sul dolore derivato dal forte terremoto e Dubrovnik rinacque velocemente dotandosi del bellissimo centro storico che vediamo oggi.

La città ha un assetto urbano diverso da tutte le altre ex colonie veneziane.

Se ti sarà capitato di visitare altre città che hanno subito l’influenza e il dominio della Serenissima, ti sarai accorto che presentano viuzze strette e irregolari che molto ricordano le calli di Venezia. Le strade di Dubrovnik, invece, ricordano molto più l’assetto urbano delle città dell’Antica Grecia o dell’Impero Romano.

Le strade sono regolari e incrociano tutte il viale principale, lo Stradun, che taglia la città in due da Porta Pila fino alla Torre dell’Orologio sulla parte opposta.

Sotto il controllo del potere centrale napoleonico, nei primi anni dell’Ottocento, la città di Dubrovnik fu annessa al Regno d’Italia e successivamente alle Province Illiriche.

Bene ora conosci la storia antica e moderna di Dubrovnik, possiamo iniziare a capire cosa vedere a Dubrovnik in due giorni.

 

Visitare Dubrovnik in due giorni

 

Primo giorno a Dubrovnik

Cosa fare a Dubrovnik il primo giorno?

Il primo giorno ti consiglio di visitare per bene tutto il centro storico di Dubrovnik, la città vecchia (in croato Stari Grad).

Girare a piedi la città è facilissimo perciò indossa scarpe comode e preparati a visitare una delle città marinare più belle dell’Adriatico.

La città vecchia è cinta dalle mura di Dubrovnik, conservate benissimo e risalenti al Cinquecento, anche se tutti pensano che siano medievali.

Il percorso delle mura è lungo circa due chilometri e conta ben 16 torri e 4 fortezze. La più importante è la Fortezza di San Giovanni che si trova sul lato del porto.

Questa Fortezza al suo interno ospita un bellissimo Acquario con specie rare di pesci del Mediterraneo e il Museo marittimo.

Per visitare le mura della città vecchia devi acquistare un biglietto di ingresso oppure puoi munirti della Dubrovnik Card, della quale ti parlerò in seguito.

Le mura sono aperte tutto l’anno e hanno un costo di 12 euro per gli adulti e 4 per i bambini.

Terminato il giro delle mura, che richiede una mezza mattina, ecco quali sono le altre cose da visitare a Dubrovnik.

 

Dubrovnik

 

Il nostro tour a piedi parte da Porta Pila, l’antico ingresso monumentale della Dubrovnik vecchia.

Superato il ponte levatoio, il primo monumento in cui ti imbatterai è il Convento di Santa Clara (Ženski samostan Svete Klare) che presenta all’ingresso la bellissima Fontana rinascimentale di Onofrio, con la sua caratteristica forma rotonda, costruita da Onofrio della Cava.

Di fronte potrai ammirare la Chiesa di San Salvatore, costruita dopo il terremoto del 1520, e il Monastero dei Francescani.

Il Monastero dei Francescani, anche noto come Monastero dei frati minori, conserva la tipica architettura ragusea del Quattrocento, che unisce al gotico il gusto proto-rinascimentale.

Il Quattrocento per la città di Dubrovnik è stato un periodo molto particolare, perché ha sancito la fine della dominazione veneziana e l’avvento dell’alleanza da città libera con l’Impero Austro-ungarico. In questo periodo Dubrovnik ha vissuto tempi di grande prosperità economica e artistica.

Purtroppo gran parte delle costruzioni gotiche della città sono andate distrutte nel 1667 con il terremoto di cui ti ho parlato in precedenza.

 

Dubrovnik al crepuscolo

 

All’interno del Monastero trovi l’antica farmacia medievale, costruita nel Trecento, una delle più antiche e meglio conservate d’Europa.

In origine questo luogo era riservato solo ai monaci del cenobio, successivamente dal Cinquecento, per ragioni umanitarie, le stanze della farmacia furono aperte al pubblico.

Sempre nel Monastero trovi anche un museo, che espone testi antichi e collezioni di reperti e oggetti d’arte provenienti da Italia, Olanda e Francia, molti dei quali furono importati a Dubrovnik dalle famiglie mercantili della città, e la Chiesa di San Francesco.

Il Monastero francescano di Dubrovnik è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 17.

Uscito dal Monastero prosegui sul viale principale del centro storico Stradun e raggiungi il quartiere ebraico (Zudioska) con l’antica Sinagoga ricostruita dopo il terremoto del 1667.

Ti consiglio di visitare il piccolo Museo della Sinagoga, perché al suo interno racconta la storia della comunità ebraica di Dubrovnik dalle origini a oggi, passando per le Guerre mondiali e la Guerra d’indipendenza croata degli anni ’90.

Prosegui sempre sul viale principale fino ad arrivare al capolinea: la piazza della Loggia.

Fanno da cornice a questa piazza importanti monumenti di Dubrovnik: il Palazzo Sponza, il Palazzo del Rettore, la Porta Ploce con la torre dell’orologio e la Chiesa di San Biagio.

Il Palazzo del rettore è stato costruito alla fine del Medioevo e ristrutturato diverse volte nei secoli a seguire.

 

Skyline di Dubrovnik

 

Il Palazzo era l’antica residenza del governatore di Dubrovnik, che veniva eletto dal Senato e manteneva la carica per un mese. All’interno oltre alle stanze private e agli uffici pubblici, si trovano l’Arsenale della città e le prigioni.

Oggi le stanze interne ospitano un Museo che conserva reperti storici che raccontano la storia secolare della città.

Il Palazzo è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16.

La Chiesa di San Biagio, patrono della città, è da vedere assolutamente. È stata ricostruita dopo il terremoto da Marino Groppelli (1662 – 1728) in stile barocco.

Poco distante dalla piazza e da questi spettacolari monumenti si trova la Cattedrale dell’Assunzione di Maria, costruita nel Settecento e decorata anch’essa in stile barocco.

Il Duomo in realtà nasconde ancora i segni dell’architettura bizantina (VI-VII secolo) e romanica (XII secolo). La leggenda vuole che la Chiesa fu ristrutturata col denaro di Riccardo Cuor di Leone, che naufragò sull’Isola di Lokrum di ritorno dalle crociate.

Il Re d’Inghilterra e i suoi rimasero illesi e per ringraziare il Santo patrono Riccardo I decise di finanziare il ricostruzione della Cattedrale.

All’interno della Cattedrale sono conservate le reliquie di San Biagio e potrai ammirare diversi altari policromi, tra cui il più bello a mio parere è quello dedicato a San Giovanni Nepucemio in marmo viola.

Ti accorgerai sicuramente che passeggiare per Dubrovnik è come fare un salto indietro nel tempo. La città sembra un set cinematografico da quanto è bella e ben conservata. Non è un caso se è stata scelta come ambientazione di Game of Thrones, una delle serie tv più guardate di sempre.

Dopo aver visitato la Cattedrale dirigiti verso il porto antico.

Non farai fatica a immaginare l’approdo delle navi e lo scarico delle merci orientali, che i mercanti di Dubrovnik importavano dagli empori dell’Egeo e del Nord Africa.

Se ami documentare i tuoi viaggi con fotografie, sappi che il porto è un punto panoramico molto interessante dal quale puoi riuscire a scorgere scorci unici, soprattutto al tramonto.

Ora sai cosa visitare a Dubrovnik per scoprire la sua storia e le sue bellezze architettoniche.

Come muoversi a Dubrovnik?

Per visitare tutti i luoghi culturali della città, senza pagare una follia, ti consiglio di acquistare la Dubrovnik Card.

È una carta sconto che ti permette di avere a disposizione quasi tutti gli ingressi a musei e monumenti a prezzi scontati.

Per maggiori informazioni, visita il sito ufficiale: dubrovnikcard.com

 

Dubrovnik - Minčeta Tower

 

Secondo Giorno a Dubrovnik

Cosa vedere a Dubrovnik il secondo giorno?

Per il secondo giorno ti consiglio di visitare l’Isola di Lokrum.

Si trova non lontana dal porto vecchio di Dubrovnik.

I traghetti per l’Isola partono dal porto ogni 30 minuti dalla mattina alla sera.

Sull’Isola puoi visitare il Monastero benedettino medievale, costruito nel XII secolo, oggi riconvertito in Parco botanico, tra i più belli dell’Adriatico.

Inoltre puoi visitare il Parco del Lago salmastro conosciuto anche come Lago del mar morto. Non farti ingannare dal nome, perché il lago è davvero unico ed è attorniato da un paesaggio fantastico.

Infine dirigiti verso la Fort Royal, una fortezza napoleonica che ti permetterà di ammirare tutto il paesaggio dell’Isola e della baia di Dubrovnik.

Se termini la visita in metà mattina, ti consiglio di dedicare il pomeriggio alla scoperta dei luoghi scelti per ambientare la serie di Game of Thrones: sono spettacolari.

 

Centro storico di Dubrovnik

 

Per seguire questo tour a piedi tra i luoghi del Trono di Spade ti consiglio di prenotare uno dei tour organizzati con guide locali. Sono economici e ci sono tour con guida che parla italiano.

Inizialmente ero molto scettico e mi sono imbattuto in questi tour quasi per caso, ma alla fine ho visitato luoghi culturali spettacolari che non avrei mai potuto vedere da solo.

Inoltre le spiegazioni puntuali della guida mi hanno permesso di capire meglio la storia e la cultura locale.

Ti starai chiedendo cosa vedere a Dubrovnik per scoprire i luoghi della mitica serie tv.

Mi piacerebbe svelarti quali sono questi luoghi, ma andrei contro il mio codice etico. Devi visitarli con la guida del posto altrimenti non riusciresti a comprenderli a pieno.

Per non farti perdere tempo ho selezionato per te all’interno di questa pagina i migliori tour che tu possa seguire con una guida del posto.

Lo staff di Game of Thrones ha selezionato pochi punti della città e dicono che gli arredi di scena siano stati molto pochi, perché la città già offriva tutto quello che serviva per ricostruire un paesaggio urbano simil-medievale.

 

Come arrivare a Dubrovnik

Abbiamo visto cosa vedere a Dubrovnik ora ti indicherò come raggiungere la città vecchia.

I due modi più utilizzati dai viaggiatori italiani per arrivare a Dubrovnik sono la crociera e l’aereo.

Dato che la tua permanenza a Dubrovnik sarà di due giorni ti consiglio l’aereo.

Chi arriva in nave di solito fa tappa a Dubrovnik un solo giorno e ha tempi molto corti per vedere tutti i monumenti della città.

Se decidi di seguire il mio consiglio e arrivare in aereo, una volta atterrato all’aeroporto di Dubrovnik puoi prendere un taxi o salire su uno dei bus che trovi all’uscita dal gate e arriverai al tuo hotel in pochi minuti (20 minuti al massimo, se c’è traffico).

I voli che ti permettono di arrivare in modo diretto a Dubrovnik, quindi senza fare scalo in altre città, partono dagli aeroporti di Venezia, Milano e Roma.

Anche in questo caso abbiamo selezionato per te in questa pagina i voli più economici in circolazione per raggiungere Dubrovnik nel migliore dei modi.

 

Mare di Dubrovnik

 

Dove dormire a Dubrovnik

La scelta degli hotel è sempre molto delicata.

Non ti dimenticare che Dubrovnik è una città molto turistica, quindi puoi trovare sempre delle bettole camuffate da hotel stellati.

Ti consiglio di dare un’occhiata alla lista che abbiamo creato per te con l’elenco dei migliori hotel di Dubrovnik.

Se non vuoi perdere tempo, ecco le strutture ricettive migliori nelle quali abbiamo pernottato. Hanno tutte un ottimo rapporto qualità-prezzo e non abbiamo mai preso fregature:

#1 Apartment Best location old town
#2 Prijeko Palace
#3 Scalini Palace

Ora sai esattamente cosa vedere a Dubrovnik, come arrivarci e dove dormire. Non mi resta che augurarti di trascorrere un buon viaggio culturale.


Buon viaggio e ricordati di rispettare sempre il luogo e i monumenti che visiti. Il loro futuro dipende anche da te!


Iscriviti alla newsletter e ricevi le migliori occasioni di viaggio per tutte le tasche.


Privacy Policy

x Close

Like Us On Facebook