Vallo di Adriano: trekking tra le antiche mura romane

L’Inghilterra è una delle mete più ambite d’Europa ma sono pochi i viaggiatori audaci che si spingono fino al confine settentrionale, dove un tempo valorosi uomini addestrati con una ferrea disciplina militare, hanno costruito la più imponente fortificazione dell’Europa antica.

Erano i legionari romani che nel II secolo d.C. presidiavano il Vallo di Adriano: una grande muraglia che indicava il confine dell’Impero Romano nell’estremo nord.

Oggi le rovine delle mura antiche vengono seguite dagli appassionati di trekking archeologico bramosi di conoscere la storia locale e desiderosi di esplorare la natura selvaggia dei monti Pennines.

Se stai pensando di organizzare un itinerario culturale in Inghilterra, in questo articolo troverai tutti i dettagli necessari a scoprire il Vallo di Adriano, un suggestivo luogo storico dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Un’occasione unica, assolutamente imperdibile, per unire benessere fisico e conoscenza!

Vallo di Adriano – mappa

Dovevano solo rimanere compatti e poi, dopo il lancio dei giavellotti, continuare, con scudo e spada, ad abbattere e massacrare il nemico, senza pensare al bottino: a vittoria ottenuta, tutto sarebbe finito nelle loro mani. Un grande entusiasmo seguì la parole del comandante: e, con tale carica, i vecchi soldati, forti dell’esperienza di molte battaglie, si preparavano a lanciare i dardi, tanto che Svetonio poté dare il segnale d’attacco ormai certo del successo.

Così Tacito nell’Agricola narra le gesta dei soldati romani impegnati a difendere i confini della Britannia, un territorio impervio sottratto alle ostili tribù locali.

Anni dopo, quando ormai il territorio era al sicuro sotto il vessillo di Roma, iniziarono i lavori per la costruzione di un grande muro, che fu terminato intorno al 128 d.C. dal governatore Aulo Platorio Nepote sotto l’imperatore Adriano.

Una muraglia, detta Vallo di Adriano, di 120 km con pareti alte cinque metri che tagliava l’intera Isola da est a ovest dividendola in due parti allo scopo di arginare le incursioni dei Picti, le terribili tribù locali che furono costrette a ripiegare in Caledonia (attuale Scozia).

Il Vallo correva da Wallsend-on-Tyne, affacciato sul Mar del Nord, vicino l’attuale Newcastle, fino a Bowness-on-Solway, sul Mar d’Irlanda.

Era difeso da un profondo fossato e da torrette d’avvistamento dalle quali le guarnigioni controllavano gli enormi portali d’ingresso, che fungevano da dogane dell’Impero.

Al di qua della fortificazione vi erano accampamenti militari ben organizzati con terme e palestre per concedere ai soldati tutti gli svaghi necessari a scrollarsi di dosso la fatica delle giornate e l’ansia di eventuali attacchi.

Nel 142 fu costruita un’altra fortificazione simile al Vallo di Adriano, il Vallo di Antonino (nell’attuale Scozia), in seguito a ulteriori conquiste imperiali che costrinsero le tribù barbare a ritirarsi ancora più a nord sulle Highlands.

Se sei appassionato di storia romana e sei interessato a capire come era fatta l’architettura del Vallo di Adriano ti consiglio di leggere questo interessante articolo della rivista online romanoimpero.com, un punto di riferimento per molti appassionati di storia romana.

fortificazioni romane in scozia e in inghilterraDopo il suo abbandono, il Vallo di Adriano fu privato delle pietre, che furono riutilizzate dagli abitanti del posto per costruire le loro case.

Per fortuna oggi il percorso è ancora rintracciabile dalle rovine, ben conosciute dagli amanti dell’archeotrekking.

La strada A69 segue per gran parte del percorso l’antico tracciato del Vallo di Adriano, che da Newcastle-upon-Tyne prosegue fino a Carlisle e da qui procede verso ovest a toccare la costa all’altezza di Maryport.

Il muro si trova interamente in territorio inglese a sud del confine con la Scozia.

Il percorso è stato reso fruibile con cartelli segnaletici per consentire ai viaggiatori di esplorarlo nel migliore dei modi.

Se deciderai di avventurarti alla scoperta del Vallo di Adriano non avrai molte difficoltà a giungere da una costa all’altra, perché troverai tante indicazioni che ti guideranno sulla strada giusta da seguire e ti spingeranno in punti panoramici mozzafiato.

Troppo spesso nell’immaginario collettivo i viaggiatori associano l’Inghilterra a Londra o all’ordinata campagna con le vittoriane residenze dei Lords e si dimenticano che la Gran Bretagna è anche una terra selvaggia a tratti impervia, abitata da rustici allevatori e cordiali pescatori.

Potrai verificare tutto questo esplorando le terre del Nord Inghilterra tra le contee di Durham, Cumbria e Northumberland dove sono conservate le rovine del Vallo di Adriano tra il Kilder Forest Park, il North Pennines National Park e il Lake Discrict National Park.

Non ci crederai, ma questo luogo storico non è molto frequentato dai turisti. Una conferma ce l’ha data anche il fotografo Andrea Tisacchi, nella sua intervista rilasciata per la rivista Vanity Fair, il quale ha spiegato che durante il suo viaggio in Inghilterra proprio alla scoperta dell’antico Vallo nel settembre 2013 spesso si trovava a camminare da solo lungo la strada.

Hadrian's Wall

I più interessanti musei archeologici lungo il Vallo di Adriano

1 Arbeia Roman Fort & Museum

È il primo parco archeologico che incontrerai lungo il cammino.

Gli archeologi hanno iniziato a scavare ad Arbeia nel 1870 iniziando una lunga tradizione di scavi che si protrae ancora oggi con numerosi progetti scientifici.

La collezione del museo vanta numerosi reperti che raccontano la vita quotidiana all’interno degli accampamenti militari e degli insediamenti civili adiacenti.

All’interno del Parco sono state ricostruite alcune strutture romane ma l’architettura che subito salterà all’occhio è il West Gate, la ricostruzione di uno dei portali del Muro di Adriano posizionato esattamente dove doveva essere durante l’occupazione romana, ovvero a controllo del fiume Tyne.

All’interno del West Gate, camminando sulle torri, conoscerai la storia di Arbeia dalla preistoria fino ai giorni nostri, con particolari approfondimenti sull’età romana che spiegano l’organizzazione e la gestione del forte romano.

Salendo al piano superiore della West Gate ti renderai conto dell’imponenza del portale e ti farai un’idea della visibilità di cui godevano i soldati romani da lassù.

Con grande maestria i progettisti del percorso museale hanno messo in evidenza le storie più curiose di alcuni personaggi, che denotano l’esistenza di un ambiente cosmopolita: soldati provenienti dal Medio Oriente, che avevano prestato servizio sulle rive del fiume Tigri (attuale Iraq), esperti cavalieri iberici, mercanti siriani, schiavi nordafricani.

Il sito, gestito dall’associazione Tyne and Wear Archives and Museums, è a ingresso gratuito, aperto tutti i giorni da aprile a settembre. Durante la stagione autunno-inverno è aperto solo su richiesta per gruppi e scolaresche.

Per ulteriori informazioni puoi consultare il sito ufficiale.

Orari (aprile-settembre)

lun

mar

mer

gio

ven

sab

dom

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

11.00

13.00

17.00

17.00

17.00

17.00

17.00

16.00

16.00

2 Senhouse Roman Museum

Si trova a Maryport vicino a uno dei sedici forti romani del Vallo di Adriano, nell’estremo ovest, sulla scogliera che si affaccia sul Solway Firth.

Il forte, noto come Alauna, fu fondato nel I secolo d.C. e ampliato un secolo più tardi sotto l’imperatore Adriano.

La maggior parte degli oggetti del museo provengono dagli scavi archeologici del forte e dal villaggio vicino.

Il museo espone tra le altre una collezione di lapidi, iscrizioni e altari dedicati dai generali dell’esercito romano a Giove, il padre degli dei.

La collezione è stata raccolta dalla famiglia Senhouse sin dal 1570 e a oggi è la più antica della Gran Bretagna, unica nel suo genere.

Visitando il museo potrai salire sulla torre di guardia per godere della vista mozzafiato sul Solway Firth (a confine con la Scozia) e sull’Isola di Man nel Mare d’Irlanda.

Il forte di Maryport faceva parte delle difese costiere create contemporaneamente al Vallo di Adriano, che si estendevano lungo la costa della Cumbria nel Lake District.

Maryport era un importante centro per la fornitura di vettovaglie e armi alle legioni romane della Britannia.

Il museo è gestito dalla Senhouse Museum Trust.

Per ulteriori informazioni consulta il sito ufficiale del museo.

Prezzi

Adulti

4.00£

Bambini

1.50£

Famiglie (due adulti e due bambini)

10.00£

Orari

Gennaio-marzo

Venerdì-sabato-domenica

10.30-16.00

Aprile-ottobre

Tutti i giorni

10.00-17.00

Novembre-Gennaio

Venerdì-sabato-domenica

10.30-16.00

Chiuso solo il 25 e il 26 dicembre per le festività natalizie.

3 Il Parco Archeologico di Vindolanda

A pochi passi dai resti del Vallo di Adriano.

All’interno del parco archeologico trovi il Roman Army Museum: un omaggio all’esercito di Roma e alle sue vittorie in Britannia. Entrando nel museo vieni catapultato tra le fila dell’esercito romano.

Capirai come si svolgeva la vita del legionario, quali erano le dure regole della disciplina militare alle quali era obbligato a sottostare e cosa si provava a combattere in prima linea contro i feroci Picti.

Vicino al museo trovi il sito archeologico di Vindolanda, con un piccolo museo che espone una moltitudine di reperti tessili e in cuoio, perfettamente preservati grazie alle eccezionali condizioni stratigrafiche del sito, oltre a oggetti in osso, in legno e in metallo.

Prezzi

Biglietto risparmio

Vindolanda

Roman Army Museum

Adulti

10.50£

6.75£

5.50£

Bambini (dai 6 ai 18 anni)

6.00£

4.25£

3.25£

Studenti

9.00£

5.75£

4.75£

Famiglie (2 adulti e 2 bambini)

32.00£

20.00£

16.00£

I bambini sotto i 5 anni e gli accompagnatori dei disabili entrano gratuitamente.

Per motivi di igiene gli animali, esclusi i cani guida per non vedenti, non sono ammessi né nel museo né nel sito archeologico. Questi prezzi includono una piccola donazione che contribuirà a mantenere in vita il sito di Vindolanda.

Per l’acquisto online clicca qui.

Orari

Aprile-settembre

10.00-18.00

Ottobre

9.30-17.00

Febbraio

9.30-16.00

Marzo

9.30-17.00

Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura. In caso di maltempo ti consigliamo di contattare lo staff per accertarti che il Parco sia aperto.

Per contattare l’area archeologica di Vindolanda chiama il numero: +44 1434344277; per contattare il Roman Army Museum chiama il numero: +44 1697747485.

Il Roman Army Museum è gestito dal Vindolanda Trust.

Sito ufficiale: www.vindolanda.com

Un piccolo assaggio del Parco Archeologico di Vindolanda

4 Birdoswald Roman Fort

Situato a Gilsland lungo il tratto continuo più lungo del Vallo di Adriano.

Le rovine dell’antico forte romano comprendono la cinta muraria, i portali d’accesso, i granai, le torri d’avvistamento e un ponte per l’attraversamento del fossato.

In questo forte vennero stanziate truppe provenienti dalla Tracia, come testimoniano i reperti archeologici rinvenuti nelle aree archeologiche circostanti.

Interessanti sono anche le evidenze che attestano come la vita sia continuata dopo la caduta dell’Impero Romano e la ritirata delle truppe.

Sono stati messi in luce resti dell’insediamento medievale, fondamenta di case torri, una casa padronale del XVI secolo e strutture che arrivano fino all’Età Vittoriana.

Il sito storico si trova tra verdeggianti campi agricoli e un’ampia vista sulle colline boscose dei North Pennines.

Qui puoi scaricare liberamente la pianta del Forte.

Il sito è gestito da English Heritage.

Orari Marzo-settembre

Lun

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

18.00

18.00

18.00

18.00

18.00

18.00

18.00

Orari Ottobre-Novembre

Lun

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

17.00

17.00

17.00

17.00

17.00

17.00

17.00

Orari Novembre-Febbraio e febbraio-Marzo

Sab

Dom

10.00

10.00

16.00

16.00

Orari Febbraio

Lun

Mar

Mer

Gio

Ven

10.00

10.00

10.00

10.00

10.00

16.00

16.00

16.00

16.00

16.00

Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura. Chiuso 24, 25, 26, 31 dicembre e 1 gennaio.

Prezzi

Adulti

5.80£

Bambini (5-15 anni)

3.40£

Studenti

5.20£

Famiglie

15.00£

5 Housesteads Roman Fort

Tra i sedici forti romani permanenti presenti lungo il Vallo di Adriano è conosciuto come quello meglio conservato, tra i più noti di tutto l’Impero Romano.

La fortezza fu costruita tra il 122 e il 132, in concomitanza con la costruzione del Vallo di Adriano.

Fu presidiato da una coorte di fanteria di circa ottocento uomini fino alla fine del IV secolo.

Gli scavi archeologici hanno portato alla luce tutti i principali edifici, tra cui l’ospedale, la palestra, i granai, i servizi igienici e le opere difensive, sia del forte romano sia dell’insediamento civile poco distante.

Nel museo trovi diverse iscrizioni e sculture, che forniscono una ricca fonte iconografica per comprendere meglio la vita e le credenze religiose delle truppe.

Per tutti gli orari e prezzi consulta questa pagina. Il sito archeologico è gestito dalla English Heritage.

6 Chesters Roman Fort and Museum

Ospita la Collezione Clayton, che si compone principalmente di reperti romani provenienti da diversi forti lungo il Vallo di Adriano.

John Clayton (1792-1890) ereditò il forte di Chesters nel 1832 e al momento della sua morte possedeva ben cinque forti romani.

Grazie agli scavi archeologici sono stati messi in luce reperti di grande importanza, come le cinquantatré pietre centuriali con tutti i nomi dei soldati che hanno contribuito alla costruzione del Vallo di Adriano.

La raccolta comprende undicimila manufatti e documenti d’archivio, gemme, intonaci dipinti e vetri.

Il sito è gestito dalla English Heritage.

Puoi consultare qui tutti gli orari e i prezzi dei biglietti.

7 Roman Town a Corbridge

Una città romana a poco più di due miglia a sud del Vallo di Adriano fondata dopo il 160 d.C. intorno a un accampamento di legionari.

Quest’ultimo fu costruito nell’85 d.C. su una strada che attraversava il fiume Tyne.

Corbridge fu una delle due città fondate vicino al grande Muro di Adriano e rimase una vivace comunità urbana fino agli ultimi giorni dell’Impero.

Il sito è stato ampiamente scavato nel XX secolo e oggi conserva una delle più grandi collezioni del Vallo di Adriano gestite dalla English Heritage, con oltre trentaquattromila reperti, tra i quali spiccano per la rarità alcuni oggetti personali femminili, come le spille per capelli e i pettini decorati.

Sono state anche messe in luce alcune fornaci per la produzione di ceramiche e metalli e due granai che indicano Corbridge come una delle basi per il rifornimento dei forti militari lungo il Vallo.

Per ulteriori informazioni consulta il sito web ufficiale. Per i prezzi dei biglietti e gli orari clicca su questa pagina.

Evariste-Vital Luminais - Combat de Romains et de Gaulois.jpg

Consigli finali

Se hai deciso di scoprire il Vallo di Adriano a piedi e di lasciare l’auto a casa ti consiglio di prendere l’Hadrian’s Wall Country Bus che ti porterà nelle varie tappe dell’itinerario.

Prendere questo bus significa esplorare l’area del Vallo in modo conveniente, perché molto economico, e sostenibile, perché meno auto circolano e meno inquinamento verrà a formarsi.

Naturalmente per raggiungere il Nord dell’Inghilterra ti servirà prendere taxi, bus e treni locali.

Ho pensato a tutto io, qui trovi tutti gli orari utili per pianificare al meglio la tua escursione di trekking archeologico lungo il Vallo di Adriano.

Tutti i siti web sono disponibili solo in lingua inglese, ma del resto se la tua prossima destinazione è l’Inghilterra quale modo migliore per iniziare a fare un po’ di pratica con la nuova lingua?

Il clima in tutta la Gran Bretagna cambia improvvisamente. Se vuoi evitare di trovarti impreparato e di inzupparti sotto una delle forti acquazzoni inglesi, munisciti del giusto kit da viaggio: giacca a vento, k way, comode scarpe da trekking, kit di primo soccorso e una buona scorta d’acqua, dato che lungo il tragitto i punti di ristoro sono a parecchi chilometri l’uno dall’altro. Per tenerti aggiornato sulle condizioni climatiche inglesi segui il sito web uk.weather.com.

Hadrian's Wall walk, Housesteads Roman Fort

Risorse

App e Mappe del Vallo di Adriano

1 Per orientarti durante l’escursione esiste l’app Hadrian’s Wall creata da Pocket Tours Limited che ti consente di avere sotto mano tutte le informazioni utili per esplorare il Vallo di Adriano (punti d’interesse, luoghi di ristoro, fermate dei mezzi di trasporto pubblici, punti panoramici). Sul display del tuo iPhone puoi monitorare i tuoi spostamenti e tenerti aggiornato sulle distanze da percorrere.

Per ogni luogo d’interesse hai a disposizione una scheda di approfondimento e tutte le informazioni su prezzi, orari e contatti.

L’app offre anche un’interessante galleria con video, narrazioni, immagini e illustrazioni.

Potrai tranquillamente utilizzare l’app in modalità offline, senza l’uso di connessioni internet, sfruttando solo il rilevamento GPS. Purtroppo è disponibile solo su iTunes Store per gli applicativi Apple a un costo di 2,99 sterline.

Puoi comprarla on line qui.

2 Altrimenti puoi orientarti con la nostra mappa (che trovi a inizio articolo) o con la carta illustrata in basso che ti indica tutti i maggiori punti d’interesse per visitare il Vallo di Adriano in totale autonomia e organizzare al meglio il tuo itinerario.

vallo di adriano

Campeggi e B&B:

I quattro film che narrano la rivalità tra Roma e i Picti, ambientati proprio lungo il Vallo di Adriano:

In questo video l’archeologo Alessandro Pace spiega brevemente la storia del Vallo di Adriano con alcune immagini degli scavi archeologici e del paesaggio mozzafiato.

Percorso in breve

Livello di difficoltà: FACILE

Altitudine massima: 345 metri

Chilometri totali: circa 130 km

Direzione: EST-OVEST

Tempo stimato: 5 giorni (30 km al giorno)



Buon viaggio e ricordati di rispettare sempre il luogo e i monumenti che visiti. Il loro futuro dipende anche da te!



Dimore storiche

Iscriviti e ricevi le migliori occasioni di viaggio per tutte le tasche



Loading Facebook Comments ...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 4 =